mercoledì, luglio 18, 2018
Valentina Corrado – Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle Lazio

La Resa Dei Conti – Workshop sul Bilancio della Pubblica Ammin…

Il #Bilancio è il motore della pubblica amministrazione.E' importante che i #cittadini abbiano gli strumenti per comprendere i meccanismi che lo governano al fine di poter indirizzare in maniera consapevole le proposte e controllare l'utilizzo delle risorse pubbliche da parte dell'amministrazione. E' fondamentale per i #portavoce eletti conoscere le regole di gestione del bilancio pubblico per poter attuare quegli indirizzi politici che solo attraverso una programmazione virtuosa possono concretizzarsi in servizi necessari alla cittadinanza.Quali effetti produce sulle amministrazioni e sulla collettività l'attuazione del vincolo costituzionale del Pareggio di Bilancio?In cosa consistono Debito e Disavanzo di un Ente pubblico? E’ possibile risanare i conti di un Comune?Che cos’è l’Armonizzazione Contabile degli Enti Territoriali?Com’ è possibile verificare lo stato di salute di un bilancio statale, regionale e comunale?Nel bilancio ci sono solamente numeri? Quanto incidono la programmazione e la sana gestione di un bilancio sulla quotidianità dei cittadini?Dall'esigenza di dare risposte a questi interrogativi, grazie alle numerose richieste di supporto ricevute in questi anni, a seguito dell'esperienza acquisita dai Portavoce del #Movimento5Stelle, all'interno delle istituzioni sia in opposizione che al Governo degli Enti Locali, nasce l'evento "#LaResaDeiConti": il primo di una serie di incontri che svolgeremo nel corso dell'anno in diverse località del #Lazio. A questo primo appuntamento interverranno:La Portavoce al Senato Barbara Lezzi- Membro della V Commissione Permanente BilancioLa Portavoce in Regione Lazio Valentina Corrado- Presidente del Comitato Regionale di Controllo Contabile- Membro della IV Commissione Permanente Bilancio, Partecipazione, Demanio e Patrimonio, Programmazione Economico Finanziaria- Membro I Commissione Permanente Affari Costituzionali e Statutari, Affari Istituzionali, Enti Locali e Risorse Umane, Federalismo Fiscale, Sicurezza, Integrazione Sociale e Lotta alla Criminalità- Membro Commissione Speciale Riforme IstituzionaliIl Sindaco del Comune di Pomezia Fabio Fucci – Sindaco di Pomezia – RML’Assessore del Comune di Pomezia Daniela Sorrentino

Pubblicato da Valentina Corrado su Mercoledì 26 aprile 2017

Il 26 aprile si è tenuto presso la Sala Mechelli del Consiglio Regionale del Lazio, il primo incontro del workshop La Resa dei Conti. L’evento  nasce dalla necessità di rispondere alle richieste di informazioni  dei cittadini in merito alla comprensione di un bilancio pubblico, in particolar modo quelle di coloro che si apprestano ad essere eletti come portavoce nei comuni, quindi per fornire loro i principali strumenti di lettura della documentazione, per illustrare la fondamentale importanza che un bilancio ricopre nella programmazione e nell’utilizzo delle risorse pubbliche ed infine per indicare quali sono i vincoli e le limitazioni imposte dal governo agli Enti locali. L’obiettivo è stato quello offrire una veduta differente e più ampia della materia, spiegando che il bilancio non è un esercizio contabile fatto di numeri e formule accessibili esclusivamente a tecnici e contabili, bensì il vero motore della pubblica amministrazione in grado di trasformare gli indirizzi politici in servizi utili ed indispensabili alla cittadinanza.

Il #meeting01, primo di una serie di incontri, ha dunque permesso ai portavoce presenti di rispondere a molte delle domande più frequenti che negli ultimi anni sono state poste dai cittadini in tema di contabilità relativa ad un Ente pubblico.

Cosa si intende per “bilancio”? Quali sono le funzioni del bilancio pubblico? Genericamente il termine bilancio si riferisce all’insieme di tutti i documenti che regolano l’attività economico-finanziaria, ovvero la gestione delle entrate e delle spese da parte del soggetto pubblico (a partire dallo Stato); è lo strumento essenziale per il processo di programmazione, previsione, gestione e rendicontazione delle risorse pubbliche. Nel campo finanziario relativo ad un Ente pubblico si intende il Bilancio annuale di Previsione, ossia il documento contabile che espone il reperimento e l’impiego delle risorse pubbliche, rappresentando perciò il principale riferimento di programmazione per l’allocazione, la gestione e il monitoraggio di entrate e spese dell’Ente. Ha la funzione di autorizzare all’inizio di ogni anno tutte le spese che i singoli settori potranno sostenere e di garantire le adeguate coperture finanziarie attraverso la programmazione delle entrate. Attraverso il Bilancio Consuntivo o Rendiconto di Gestione si possono verificare le modalità e la misura in cui l’amministrazione ha dato attuazione alle previsioni del bilancio; questo ha la funzione di esporre, giustificare e certificare, alla fine dell’anno, le entrate e le spese effettivamente sostenute, permettendo di valutare lo stato di “salute economica” dell’Ente.

Un bilancio permette dunque di avere una panoramica completa sulla gestione delle risorse pubbliche. Le sue funzioni possono essere messe in evidenza attraverso cinque chiavi di lettura differenti e complementari: quella contabile che permette di conoscere la “situazione contabile” dell’amministrazione e di regolarne l’attività futura; di garanzia per i cittadini nei confronti dell’amministratore pubblico; politica nel rapporto tra organi di governo e organi di indirizzo politico; giuridica in quanto il bilancio ha forza di legge e vincola alla sua osservanza l’attività della pubblica amministrazione; economica perchè è uno strumento di programmazione, che permette di valutare gli effetti dell’attività finanziaria sui vari aspetti della vita economico-sociale e di orientare gli interventi di politica economica.

Queste e tante altre risposte sono state espresse nel corso nell’incontro, grazie anche all’intervento di Daniela Sorrentino, Assessore del Comune di Pomezia, città amministrata dal Movimento 5 Stelle che da quattro anni sta risanando con successo le casse comunali depauperate da una precedente reiterata mala gestione.  Sono state esposte alcune nozioni di carattere tecnico, imprescindibili per la corretta gestione di un bilancio comunale: il significato di armonizzazione contabile, la programmazione attraverso il Documento Unico di Programmazione, il Piano Esecutivo di Gestione, il Documento di Economia e Finanza ed il Documento di Economia e Finanza Regionale e l’importanza di approvare il Bilancio di Previsione entro il 31 dicembre. Viene riportato l’esempio del Risultato di Amministrazione (parametro in grado di far comprendere la gestione annuale delle entrate e delle spese) del Comune di Pomezia, passato da un disavanzo di amministrazione pari a -7.275.296,61 €  nel 2012 (gestione Partito Democratico) ad un risultato di amministrazione pari a + 17.519.158,02 € (gestione Movimento 5 Stelle).

Fiscal Compact e Pareggio di Bilancio sono alcuni degli argomenti trattati da Barbara Lezzi, portavoce al Sentato del Movimento 5 Stelle. Tra gli esempi è stato illustrato come nel 2014 il Governo Renzi, nonostante le modifiche apportate all’art.81 della Costituzione, abbia potuto elargire la famosa mancia degli “80 euro” con il benestare della Germania, a ridosso delle incerte elezioni Europee per contrastare l’ascesa di partiti e movimenti euroscettici. La norma che ha garantito le coperture necessarie per coprire il bonus prevede tre anni di tagli a carico delle regioni, quindi su servizi (in primo luogo quelli sanitari) che coinvolgono direttamente i cittadini. A gravare sul Bilancio dello Stato è anche la norma sulla decontribuzione: il suo costo di 20 miliardi ha aumentato l’occupazione non risolvendo i problemi in quanto gli stessi dati ISTAT dichiarano che il monte ore a fronte delle nuove assunzioni è diminuito in maniera significativa. L’immobilismo del governo e l’inefficacia dei provvedimenti presi negli ultimi anni sono comprovati dalla Banca d’Italia la quale certifica ogni anno un aumento del debito che va dai 50 ai 60 miliardi di euro; a subirne maggiormente gli effetti sono gli Enti territoriali dal momento che, come si evince dal DEF, mentre le spese del governo aumentano, diminuiscono quelle di Regioni e Comuni.

Recupero dell’evasione e taglio agli sprechi sono solo alcune delle strade da intraprendere per poter ambire ad una Pubblica Amministrazione più rapida e snella, quindi efficiente: un percorso che richiede anni e che in alcune città guidate dal Movimento 5 Stelle è già stato intrapreso. Fabio Fucci, Sindaco della Comune di Pomezia, ha illustrato la situazione critica nella quale versavano le casse della città nel 2012, quando gli oltre 200 milioni di euro di debito suggerivano di deliberare il dissesto finanziario. Il primo cittadino, forte dell’esperienza acquisita in quattro anni di amministrazione, ha spiegato come può essere risanato un ente strutturalmente deficitario: eliminando spese inutili ed improduttive, garantendo le entrate e riducendo i debiti. Numerosi sono stati gli interventi che hanno permesso di raggiungere un risultato di amministrazione positivo ed alcuni sono stati riportati come esempio: valorizzando il patrimonio immobiliare di proprietà, gestendo correttamente le gare pubbliche, riorganizzando le società partecipate,  aumentando le entrate senza alzare le tasse, rinegoziando i debiti.

Per i portavoce informare i cittadini è un dovere: La Resa dei Conti è uno strumento che si pone tra i complessi meandri del Bilancio Pubblico e tutti coloro che hanno la voglia o la necessità di apprendere le nozioni basilari sul funzionamento degli ingranaggi che muovono la macchina amministrativa; un filtro che ha lo scopo di facilitare la comprensione di argomenti tecnici servendosi dell’esperienza acquisita in prima linea nelle istituzioni, a partire dai comuni amministrati per giungere in Parlamento e Senato, passando per la Regione Lazio.

 

Like this Article? Share it!