sabato, Settembre 19, 2020
Valentina Corrado – Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle Lazio
Ultimi Articoli

Ipab: finalmente una riforma di trasformazione per dire stop agli scandali

Ho passato una intera legislatura ad occuparmi di Ipab. A denunciare pubblicamente e a interrogare la giunta Zingaretti sui motivi per cui questi enti, che da Statuto sono organismi di assistenza al servizio dei più deboli – solo per fare qualche esempio quali orfani, non vedenti o anziani – si ritrovassero invece puntualmente al centro di affari immobiliari, cicloni mediatici, ondate di corruzione, Cda illegittimi e sperpero di denaro pubblico. Il tutto sotto l’occhio poco attento, o al contrario forse troppo attento (ma affinchè nessuno si accorgesse di nulla) della politica della Regione Lazio, chiamata a controllare e gestire un servizio così importante, ma troppo spesso silente o complice.

Interrogazioni, esposti, accessi agli atti, ricorsi al Tar, decine e decine di pagine di documenti ufficiali nei quali non ho mai smesso di ricordare a tutti che le Ipab sono e devono essere al servizi dei cittadini, specie di quelli più deboli e non della politica d’affari o di qualche palazzinaro. Una corposa attività di cui vi parlai già nel 2016, indicando solo alcuni dei casi più eclatanti (come l’Isma e il San Michele), in un caos generalizzato che riguarda l’universo Ipab, in tema di patrimoni immobiliari, di gestione di risorse finanziarie regionali e di nomine incompatibili.

Ma oggi è una giornata storica. Perchè dopo tante battaglie condotte allo scopo di rilanciare uno strumento strategico come la rete di Ipab laziali, sono riuscita a portare in Commissione regionale Affari Costituzionali, di cui sono membro, la nuova legge di riordino delle Ipab. Una legge che intende recepire il superamento della legge Crispi, datata 1890, con il passaggio alla costituzione delle aziende per i servizi alle persone (Asp). Già, le persone, quelle persone che devono essere rimesse al centro dell’azione delle Ipab e di chi le finanzia, ovvero la Regione.

Non di meno, va evidenziata anche un’altra importante novità nell’iter di presentazione della legge, ovvero le integrazioni che sul tema sono state indicate dai cittadini – e dunque recepite – direttamente sulla piattaforma interattiva del MoVimento Cinque Stelle, denominata Rousseau”, e con la quale i cittadini hanno dato dimostrazione di come si possa partecipare concretamente alla stesura di una legge.

Like this Article? Share it!