giovedì, Agosto 13, 2020
Valentina Corrado – Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle Lazio
Ultimi Articoli

ROMA – NUOVO BLITZ CONTRO IL CLAN CASAMONICA. GRAZIE AL LAVORO DELLE FORZE DELL’ORDINE E DEGLI INVESTIGATORI DI DEBELLAZIONE DELLE MAFIE NEL LAZIO.

#ROMA - NUOVO BLITZ CONTRO IL CLAN CASAMONICA. GRAZIE AL LAVORO DELLE FORZE DELL’ORDINE E DEGLI INVESTIGATORI DI DEBELLAZIONE DELLE MAFIE NEL LAZIO.

Sferrato un altro duro colpo al clan dei Casamonica, la struttura criminale più potente e radicata della nostra regione che conta migliaia di affiliati nonché legami e alleanze con le cosche della ’Ndrangheta e clan camorristici, con i quali condivide il controllo capillare del territorio.

Gli esiti delle numerose operazioni antimafia – “Re Mida”, “Equilibri”, “Gramigna”, “Brasile Low Cost” solo per citarne alcune – e le sentenze intervenute lo scorso anno delineano i connotati di un clan mafioso che nel Lazio ha un giro di affari connesso all’illecita gestione del gioco d’azzardo, truffe, rapine, furti, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione e usura.

Nell’ambito dell’operazione realizzata nelle prime ore di questa mattina, “Noi proteggiamo Roma”, sono stati eseguiti arresti per associazione di stampo mafioso, estorsione, usura, intestazione fittizia di beni e confische per un valore complessivo di circa 20 milioni di euro. Già nel febbraio 2019 nell’ambito dell’Indagine “All’Ombra del Cupolone” erano stati sequestrati beni riconducibili direttamente o indirettamente al clan, per un valore di circa 30 milioni di euro. Il patrimonio ricomprendeva anche il diritto di superficie di una cappella gentilizia nel cimitero di Ciampino.
Come si evince dalla relazione della Direzione investigativa antimafia, l’ostentazione della ricchezza è il mezzo attraverso il quale il clan vuole affermare il suo potere, diffondendo la sensazione dell’impunità di tutta la consorteria, rendendo sfuggente e al tempo stesso incombente l’impressione di pericolo in chiunque pensi di ostacolare il raggiungimento dei fini associativi.

Ringrazio gli oltre 150 poliziotti della Squadra mobile di Roma e del commissariato Romanina, la Procura di Roma e la Direzione distrettuale antimafia per il costante lavoro di debellazione delle mafie nel Lazio.

Like this Article? Share it!